Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.03 del 21 Luglio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Attuoni Avenza, Volpi appende i guanti al chiodo

Dopo la vittoria dei playoff il portierone ha comunicato la sua intenzione: "Ho conosciuto persone fantastiche che mi hanno insegnato a vivere"

Attuoni Avenza, Volpi appende i guanti al chiodo
Dilettanti - Sono appena terminati i festeggiamenti dell'Attuoni Avenza per la vittoria dei play off che con ogni probabilità porteranno la squadra di mister Secchiari in Seconda Categoria. Grande soddisfazione per la società del presidente Attuoni, per aver allestito una rosa forte e collaudata che in finale è riuscita a battere la favorita San Vitale Candia e che durante la stagione ha fatto della difesa il suo punto forte con sole 28 reti subite.

Tra i protagonisti del reparto difensivo sucuramente l'esperto portiere Simone Volpi, classe 79' con un passato importante in squadre come Carrarese (giovanili), Massese, Entella, San Marco Avenza, Ortonovo e Lunigiana. Poi dopo trascordi in Prima e Seconda Categoria negli ultimi anni è sceso in Terza, dove la scorsa stagione ha vinto la Coppa di categoria col Cerreto e domenica i play off con l'Attuoni.

Questo secondo successo consecutivo e i suoi 40 anni hanno fatto si che il portierone di Carrara abbia deciso di appendere in guanti al chiodo.

Di seguito la sua dichiarazione tramite un post sulla propria pagina Facebook: "Forse sono arrivato alla fine del percorso... è vero non sono arrivato a grandi livelli... è vero non ho mai guadagnato soldi che mi cambiassero la vita.. Ma ho conosciuto persone fantastiche che mi hanno insegnato a vivere, persone che mi porterò sempre nel cuore. Il calcio è uno sport meraviglioso, fatto di sacrifici che molti non capiscono perché non è facile spiegare le sensazioni e le emozioni che ti può regalare la gioia di parare un rigore, la scaramanzia, la concentrazione, quello che si prova prima di entrare in campo o nei minuti finali sull'1-0... e potrei dirne tante altre ma voglio ringraziare tutti i miei tanti allenatori e compagni di squadra e anche gli avversari per la "favola" che mi hanno permesso di vivere... Non so cosa farò domani ma sono sicuro che nella mia vita ci sarà sempre il Calcio".


Giovedì 9 maggio 2019 alle 12:39:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Questo post è a cura della A.S.D. Sportivamente


Notizie Massa Carrara







Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News