LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 11.31 del 22 Settembre 2017

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Caso Scaletti, De Pasquale risponde all'interrogazione in consiglio

Il sindaco: "Non c'è nessuna continuità tra l'assessore e gli imprenditori del lapideo"

Caso Scaletti, De Pasquale risponde all´interrogazione in consiglio
Carrara - Il rapporto "fiduciario" tra l'assessore Sarah Scaletti e alcuni imprenditori importanti del settore lapideo di Carrara è stato evidenziato da un articolo de "Il Fatto Quotidiano", da cui si evince che l'assessore era titolare di quote di una società fiduciaria svizzera che avrebbe poi trasferito agli stessi imprenditori. Per questa ragione la capogruppo PD Roberta Crudeli ha presentato ieri in consiglio comunale un’interrogazione al sindaco Francesco De Pasquale.

Crudeli: “Era al corrente di questa situazione, al momento della normina dell’assessore?

De Pasquale: “Sì, ne ero al corrente”.

Crudeli: “Non le sembra che vi sia un palese conflitto d’interessi?”

De Pasquale: “No, non ravviso il conflitto d’interessi perché non c’è nessuna contiguità tra l’assessore e gli imprenditori del lapideo.

Per quanto riguarda la pubblicazione dei curricula degli aspiranti assessori, le ricordo che la nomina degli assessori è competenza diretta del sindaco e attualmente l’assessore Scaletti gode della massima fiducia del sottoscritto. Per concludere, faccio presente alla consigliere che Scaletti non è parte del Movimento 5 stelle”.

Crudeli: “Ma che importanza ha? È un membro della sua giunta.”

Vannucci: “Sindaco, la domanda che faccio io è semplice: non ritiene che debba dare alla città una spiegazione più puntuale di come ha costruito questa giunta? Credevamo volesse fare una scelta di trasparenza esplicita. I sindaci hanno due possibilità: o scegliere autonomamente senza darne conto, oppure optare non per persone di fiducia, ma scelte in base alle competenze. Altrimenti il modus operandi sembra casuale.

La valutazione dei curricula vuole essere un dato oggettivabile? E allora lo si renda pubblico. Soprattutto, a questo punto, in che relazione sta il Movimento con questa giunta? Credevamo che essa fosse emanazione del Movimento che governa la città, ma se ci sono altre componenti spiegateci quali siano”.

De Pasquale: “Si vede che il consigliere Vannucci appartiene a una generazione politica in cui i partiti si spartiscono le poltrone; nel M5s questo non avviene. Tra le nostre file ho scelto solo il vicesindaco e l’assessore ai lavori pubblici; per gli altri assessori fece un’apertura all’esterno, chiedendo ai cittadini di Carrara chi volesse impegnarsi a fare un’esperienza di giunta. Abbiamo chiesto di inviare dei curricula che sono stati vagliati dal sottoscritto e discussi dal gruppo consiliare.

La caratteristica del Movimento è proprio questa: qui non ci sono assessori di provenienza partitica mista, ma presi dalla collettività. Né l’assessore Galleni, né Trivelli, né Bruschi appartengono al Movimento. Il M5s non ha alcuna tessera, per prendervi parte basta iscriversi al meet-up e partecipare alle riunioni. La scelta è stata fatta in base alla capacità di lavorare in squadra, di dare un’impronta d’imparzialità e di contribuire a lavorare per il bene della città. Noi non abbiamo il problema del peso politico di una forza che ci sostiene”.
Venerdì 15 settembre 2017 alle 21:18:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





FOTOGALLERY


VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Via Fratelli Rosselli, 33 - 19121 La Spezia
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News